TERF MayDay La POLICE

Londra: rovinosa apparizione TERF al corteo del Primo Maggio, la Mayday March
Notizia,

Striscione transfobico
Oggi a Londra, un gruppo di Trans Exclusionary Radical Feminists (TERF) ha tentato di unirsi alla Mayday March, l'annuale corteo del primo maggio, con uno striscione transfobico.
Dopo essere stati individuatx dall'Assemblea antifascista di Londra (LAFA) e da altrx della parata, insieme a due membri dell'Enfa di Edimburgo, i TERF hanno poi chiamato i referenti del corteo che gli hanno confermato che il loro gruppo e il loro messaggio transfobico non erano i benvenuti. LAFA e i referenti della marcia hanno quindi rimosso i TERF dal corteo. I TERF hanno quindi chiamato la polizia. Sono arrivati ​​gli ufficiali di collegamento di polizia e il gruppo TERF ha parlato con loro. I poliziotti inizialmente hanno chiesto alla gente di lasciare la marcia, ma i referenti del corteo sono intervenuti per spiegare che i TERF stavano causando i problemi. Non sorprende che i TERF non abbiano chiesto ai poliziotti di andarsene, ma gli steward sono stati quindi in grado di convincere pacificamente i TERF che avrebbero dovuto andarsene.
 
Attivistx LGBTQIA+ per #LwiththeT
LAFA ha detto nella loro dichiarazione:
 
"Un gruppo di TERF si è presentato alla marcia del Primo Maggio a Londra urlando insulti a un blocco di femministe e sex-workers, mostrando questo striscione.
Compagni di LAFA, gruppi di AFN tra cui Antifa di Edimburgo e amiche nella demo tra cui queer e trans compagni oscuravano pacificamente lo striscione. I TERF hanno risposto facendoci le foto e attaccandoci, tuttavia abbiamo continuato a mantenere la calma e resistere pacificamente. Hanno urlato "violenza maschile" contro di noi, nonostante il nostro gruppo comprendesse persone di molti generi e urlavano "razzisti" contro di noi, nonostante il nostro gruppo includesse persone di colore, asiaticx e latinx.
I TERF chiamarono i referenti del corteo contro di noi, dicendoci che ci avrebbero rimossi, ma invece gli steward presero le nostre parti. La marcia è stata affidata principalmente alle persone di sinistra turche e curde che ci hanno visto in molte delle loro manifestazioni e oggi hanno risposto dimostrandoci solidarietà.
I TERF hanno quindi chiamato la POLIZIA per cercare di farci rimuovere ma i referenti della marcia hanno spiegato che erano i terfs a causare problemi. Insieme ai referenti, inclusi i sindacalisti più anziani e i compagni curdi e turchi, siamo stati in grado di rimuovere collettivamente e pacificamente i terfs dalla manifestazione.
I TERF affermano di essere femministe ma ricevono finanziamenti da estremisti di destra, fondamentalisti cristiani e individui facoltosi legati alle organizzazioni PRO-LIFE (Pro-Vita).
Il loro scopo è quello di dividere e indebolire il movimento femminista e la lotta della classe operaia.
I TERF agiscono nell'interesse dei padroni e del patriarcato, non sono i nostri compagni, sono nemici della nostra classe e del movimento antifascista e continueremo ad affrontarli ovunque li dovessimo trovare."
 
Le femministe radicali esclusive non sono estranee a chiamare la polizia sui transgender e oggi hanno dimostrato che lo faranno anche quando ci sono altri gruppi e individui marginalizzati presenti. C'erano organizzazioni che rappresentano lavoratori migranti, kurdi, cileni, colombiani, peruviani, brasiliani, portoghesi, indiani occidentali, cingalesi, indiani, pakistani, bangla deshi, kashmir, ciprioti, tamil, iracheni, iraniani, irlandesi, sudafricani, nigeriani e comunità indipendenti, più molte altre organizzazioni sindacali e comunitarie. "
 
AGGIORNAMENTO 3/05/2019
8 Marzo: 50 attivistx occupano
il ministero della giustizia contro
le misure transfobiche
messe in atto in carcere
Dopo l'incidente del Primo Maggio, i TERF hanno continuato a far valere il fatto che uno dei membri della LAFA avrebbe abusato in modo razzista di una donna di colore usando la n-parola contro di lei.
È stato prodotto un video in prova di questa affermazione.
Dato che questa affermazione sta facendo giri online, vorremmo chiarire alcune cose.
L'audio del video è molto poco chiaro.
Una persona che ha conseguito una laurea in linguistica e lavora a tempo pieno nel campo della morfosinclinazione lo ha eseguito attraverso il software PRAAT , attraverso lo spectogramma e analizzato le formanti. Ciò ha restituito il risultato che la persona accusata ha detto "fottuto bigotto", e non la parola n. Un suono nasale "n" è più simile alle vocali e non appare sullo spettrogramma come la "b" bilabiale. La donna al video è anche un oratore spagnolo e non pronuncia la "t" alla fine della parola.
Verso la fine del video la donna di colore dice "mi ha chiamato  *****, mi ha chiamato  *****". Non è la donna che parla spagnolo e ci sono chiare differenze di accento.
Il fatto che la donna in questione dicesse "fottuto bigotto" e non la n-parola è stata confermata da diversi testimoni.
Inoltre, i TERF continuano a insistere sul fatto che il presunto razzista sia "un uomo" che protesta a fianco degli antirazzisti, degli antifà, delle comunità di lavoratori migranti, etcetera. Chiamarla "un uomo" per scopi pubblicitari è a dir poco vergognoso.

(Link alla notizia) 

Il CineForum ad Agripunk

Proietteremo film e documentari di pubblico dominio o rilasciati secondo le modalità no-copyright.

https://www.facebook.com/events/277337736510830/
CineForum01 - La Belle Verte in italiano - 21 Aprile


https://www.facebook.com/events/2325639754343155/
CineForum02 - END:CIV subita - 11 Maggio




















SAB11MAG DIGOS GOAT THE BOUNDERS PSICOANALISI CineForum02 ENDCIV Resist or Die

sabato 11 maggio 2019 nella stalla di agripunk
Cineforum02 - END:CIV Resist or Die

Pizzata di autofinanziamento per il rifugio, forno a legna e lievito madre.
Prima del concerto proiezione del documentario END:CIV Resist or Die, subita.

- Digos Goat
- The Buonders
- Psicoanalisi

END:CIV è un documentario di Franklin Lopez pubblicato a fine gennaio 2011, si sviluppa intorno alle prime quattro premesse scritte da Derrick Jensen nel suo libro in due volumi “Endgame”.
La licenza nocopyright ne ha permesso la diffusione da parte di submedia.tv e molti altri indymedia, con audio e sottotitoli tradotti liberamente da ogni dove, tramite la piattaforma condivisa amara.org.
La versione che guarderemo è appunto quella diffusa da submedia.tvcon l'audio originale e i sottotitoli in italiano substrippati direttamente nel video, ultima versione di amara.org.

Premessa 1
La civilizzazione, e specialmente la civilizzazione industriale, non è e non sarà mai sostenibile.
Premessa 2
Le comunità indigene generalmente non cedono o vendono volontariamente le risorse su cui si basa la sopravvivenza delle loro comunità, fino a che non vengono completamente sterminate. Non lasciano nemmeno che la terra su cui vivono venga distrutta per l’estrazione di altre risorse come oro, petrolio, gas,…
Quindi chi vuole le risorse farà tutto ciò che può per distruggere le comunità indigene.
Premessa 3
Il nostro stile di vita, la civilizzazione industriale, è basata , richiede e collasserebbe molto in fretta senza una persistente e diffusa violenza.
Premessa 4
La civilizzazione si basa su una gerarchia chiaramente definita e largamente accettata anche se spesso inarticolata. La violenza commessa da quelli più in alto nella gerarchia su quelli che si trovano più in basso è quasi sempre invisibile e passa inosservata. E quando viene notata, viene completamente giustificata. Non è nemmeno immaginabile la violenza commessa da quelli più in basso nella gerarchia nei confronti di quelli che stanno più in alto, e quando finalmente accade è accolta con indignazione, con orrore e una feticizzazione delle vittime.

DAL 21 AL 30 GIUGNO FREEDOM WEEK

Giugno 2014: l'allevamento di tacchini chiude definitivamente i battenti e quello che doveva essere un evento di disturbo (Antirepublik in-fest) si trasformò in un evento di festeggiamenti.
Da quel mese iniziò la nostra "impresa" per prendere l'allevamento e trasformarlo in rifugio.
Tra alti e bassi, gioie e dolori, delusioni e incoraggiamenti, ridi e scherza siamo arrivati ai 5 anni di questa impresa.


Inizieremo il 21 giugno e finiremo il 30 giugno.
- Venerdì 21 e 28 giugno approfondimenti tematici, proiezioni e dibattiti (a presto info precise);
- Sabato 22 giugno Battle hip hop con Raw Culture
- Sabato 29 giugno One fight, one Fire! punx night con presentazione di Smontare la gabbia, spettacolo di Lady Morgana, concerto con Balls Of Fire, MilkSnake, Fel-D1, NoWhiteRag e Krav Boca.
- Dal 23 al 28 giugno faremo un'eccezionale open week con percorso guidato all'interno dell'ex allevamento.
Passerete per i luoghi della memoria e salirete sul sentiero del viandante per conoscere la storia di questo luogo.
Da azienda agricola a roccaforte nazista e poi allevamento.
Allevamento per le truppe americane prima per poi diventare allevamento per la GDO e per le grosse catene di ristorazione.
Adesso, luogo libero che dà rifugio ad animali di ogni specie.
- Sabato 29 giugno la passeggiata si trasformerà in una camminata lungo l'Ambra per ripulire le sue sponde lungo il camminamento pedonale.

Dalla mattina al pomeriggio il nostro cancello sarà eccezionalmente aperto a chi vorrà venire, con un unica accortezza: sarà possibile visitare il lato rifugio solo ed esclusivamente accompagnati sia per rispetto nei confronti degli animali che ci abitano, sia per questioni di sicurezza. Quindi se vi interessa ogni giorno alle 11.00 saremo a vostra disposizione per accompagnarvi a conoscere Matilde e company.
Durante tutta la settimana cucina attiva al giorno, a offerta libera e popolare
Nei fine settimana cena con pizzata sociale di autofinanziamento.
Possibilità di campeggiare durante i week end degli eventi.

Call for mercatino dell'artigianato e autoproduzioni:
sabato 22 e sabato 29 ci piacerebbe che ci fosse un bel mercatino, hai una distro, un banchino di autoproduzioni oppure fai artigianato e vuoi venire?
Call for writers:
ci sono ancora troppi muri grigi, ti va di venire a trovarci e lasciare un tuo ricordo?
Per questo è molte altre info seguite questo evento oppure scriveteci ai soliti pagina fb Agripunk Onlus oppure mail agripunkonlus@gmail.com oppure telefonateci allo 055996946

Info aggiuntive in aggiornamento

Support Agripunk! How to do UPDATED!!

Siamo qui a rinnovare l'appello a tutte le persone singole, ai collettivi, ai gruppi ed alle associazioni che ci seguono e che condividono quello che facciamo per chiedervi di aiutarci con un supporto economico mensile costante adottando e supportando Agripunk.
In questo anno molti animali si sono salvati, molti sono stati liberati in natura, molti si sono recuperati da condizioni difficili, purtroppo alcuni ci hanno lasciati dopo aver vissuto una vita serena in nostra compagnia, ma molti di più attendono di poter venire qui a vivere sereni.

Condividi e supporta il crowdfunding internazionale su Gofoundme!!

 #supportAgripunk

 Attualmente vivono con noi (i nuovi li trovate in grassetto):

COME AIUTARCI - AGGIORNATO

Spesso ci chiedete come potete aiutarci quindi ecco a voi la lista di tutti i modi possibili per farlo!!!



Volontariato - WorldPackers

Per il volontariato ci appoggiamo a worldpackers.com.


Per chi ci volesse contattarci direttamente è possibile inviarci un'email o telefonarci per avere i riferimenti di tutte le informazioni necessarie. Se non trovate qualcosa, chiedetecelo direttamente!

agripunkonlus@gmail.com - 055 99 69 46



A giusto, potete anche scriverci su facebook, qui il link alla pagina.

Clicca per leggere la descrizione completa.

SAB27APR Cineforum01 La Belle Verte


La Belle Verte è un film del 1996 diretto da Coline Serreau.
Il film tratta, con una chiave umoristica e usando l'espediente comico dell'esternalità, i problemi del mondo occidentale: la frenesia, l'abuso di comando, l'inquinamento ed il consumo selvaggio delle risorse naturali e degli spazi.
Evento fb
Vi aspettiamo per le 21 per la proiezione, ci sarnno i popcorn e le verdurine fritte.
Dopo La Belle Verte breve dibattito e poi djset da panikO.

CompleStella! Pizza e sushi all you can eat! PRANZO DOMENICA 17 MARZO 2019 AD AGRIPUNK


★ 1-2-3 Stella! Pranzo di autofinanziamento per Stella!
Ebbene si, sono già passati 3 anni da quella sera.
3 anni da quando la Polz tentava di infilare il bosco per partorire, 3 anni da quando un minuscolo vitellino lucente faceva inaspettatamente capolino in un mondo al contrario.
Doveva nascere in altro posto e finire come purtroppo troppo spesso finisce, invece è nato libero da madre liberata in un posto dove vive e gioca e tesse relazioni ancora oggi.

★ Vi invitiamo a festeggiare con noi questa meravigliosa storia in questo posto strano, ad Agripunk Onlus!
Sforneremo pizze cotte a legna nel nostro forno autocostruito a tutto spiano fino a quando i pizzaioli o voi non implorerete pietà,
vi faremo assaggiare come aperitivo del fantastico sushi vegetale, ci sarà la tortastella e ci svaccheremo un pò nel pascolo per assorbire un pò di serenità e consapevolezza dalle mucchine.
Il tutto accompagnato da centrifughe, limonata, vino del contadino e liquorini autoprodotti.

★ Per il tutto si chiede un'offerta di 15 euri, se poi vorrete lasciare qualcosina in più come regalo per Stella ne saremo felici!
Ci sarà anche il banchino delle nostre cianfrusaglie carine che sostengono l nostre attività (spille, magliette, semi, libri, ecc)

★ Quando? il 17 marzo dalle 11.00 in poi.
Dove? ad Ambra, Località L'isola 61/a
Per prenotare? chiama il 055996946 oppure agripunkonlus@gmail.com oppure messenger

★ Se non puoi venire ma vuoi comunque lasciare un regalino a Stellone, puoi mandarcelo su https://www.paypal.me/agripunkonlus ,sia noi che Stella ve ne saremo davvero grat*

Link evento fb

Facebook direct