lunedì 20 aprile 2015

Comunicato

Da qualche tempo, prima in maniera innocua e sottile poi invece in maniera più pesante e fastidiosa, siamo messi sul patibolo dell'inquisizione.
Giudicati e già condannati senza saperne nulla con questa sentenza : Agripunk sarebbe un rifugio di estrema destra mascherato da rifugio antispecista.
Invece di essere interpellati per chiedere chiarimenti, è partita un'inquisizione sotterranea nei nostri confronti.
Non vogliamo neanche sapere da dove vengono certe voci, e quale sia il motivo che spinge qualcuno ad attaccare un rifugio per animali salvati dalla macellazione, sappiamo solo che ci sono arrivate.
Sappiamo anche che ci siamo sempre rifiutati di partecipare ad eventi o a collaborare con realtà ambigue e politicizzate, soprattutto di quel colore politico.
Invece di chiederci spiegazioni, prendendo in mano un telefono e chiamandoci (il nostro numero è ovunque) queste persone che ci accusano preferiscono far girare le loro accuse in maniera sotterranea e subdola, rimanendo nell'ombra anche adesso che le loro accuse sono venute alla luce. 
Tutto questo sta mettendo in serio pericolo tutto il nostro operato e la sforzo che abbiamo messo per arrivare alla chiusura e riconversione definitiva di questo allevamento, proprio ora che le carte per farlo ci sono tutte e manca davvero un soffio per iniziare a pieno regime questa avventura.
Non possiamo tollerarlo ed allora abbiamo deciso di smentire pubblicamente queste illazioni.
Il nostro comunicato non vuole essere una giustificazione e neanche un tentativo di convincere nessuno visto che le persone che ci conoscono personalmente lo sanno benissimo qual'è il nostro trascorso e che il nostro fine è rappresentato dall'unica bandiera che sventola ad Agripunk: 
quella Antispecista.
Ma questo non basta e allora chiediamo a voi, che ci conoscete e supportate, di aiutarci scrivendoci un'email in cui descrivete il rifugio Agripunk come lo conoscete voi e quello che ne pensate di tutta questa storia.
Potete farlo alla nostra nuova mail agripunkonlus@gmail.com e, col vostro consenso, le pubblicheremo qui nel nostro blog.

Dez & David


12 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  4. visto che questo è un post contro le infamate gratuite, i commenti diffamatori ed infamanti saranno rimossi.
    per qualsiasi cosa e chiarimento, c'è la mail.
    nomi e cognomi e noi risponderemo.
    e ora dateci dei fascisti anche per questo.
    grazie

    RispondiElimina
  5. ah ecco, ma come siete permalosini!
    Alessio GE

    RispondiElimina
  6. pubblicate quello che vi aggrada e manco siete capaci di rispondere non alle infamie come voi le definite soggettivamente, ma alla verità oggettiva che voi stessi avete realizzato, con le vostre scelte.
    moderate sto cazzo, qualunquisti di merda! voi di colpe ne avete tantissime per le cazzate che avete fatto e che ora siete così impegnati ad insabbiare, bravi bravi bravi. vi meritate tutta la merda che dite vi stian tirando dietro, sempre sia vero!
    m.

    RispondiElimina
  7. Io ho risposto, mi sono firmato con il nome, se vuoi il nome e cognome è Antonio Marra. Però avete cancellato. Non ho insultato nessuno ma avete cancellato. Cancellerete anche questo perciò non mi spreco a scrivervi in privato. Donazioni da me o da miei amici mai più, con questi modini su Agripunk ci si fa il crocione . Son buone le associazioni con cui v'accompagnate, si vede che la gente capisce bene. Buon 25 aprile.

    RispondiElimina
  8. ci hanno richiesto di moderare le altre realtà che stavate infamando giusto per la cronaca

    RispondiElimina
  9. Ma chi cacchio è sto Antonio Marra, un mitomane annoiato?

    RispondiElimina
  10. @Antonio Marra: Piacere...John Smith!

    RispondiElimina