sabato 21 febbraio 2015

Sorprese di pre-primavera

Vi ricordate la nostra simpatica Coco e la sua disavventura con la balestra?
Galeotto fu quel giorno...




La sera, mentre aspettavamo i veterinari eravamo rimasti fuori con lei davanti casa ad ingozzarla di ghiande ma la furbona ad un certo punto era sparita per ricomparire alle 3 di notte, sotto la finestra di camera nostra, per chiamarci e farla rientrare a casetta sua.
Ora, non sappiamo se è successo mentre passeggiava al tramonto e si prendeva la balestrata o se è successo durante la fuga dal veterinario, fatto sta che è successo...ha incontrato un baldo giovanotto irsuto e c'è scappata la fuitina.
Purtroppo pare che le femmine di maiale non si possano sterilizzare perché l'operazione è complessa e loro non tollerano l'anestesia però se qualcuno sa chi lo può e sa fare in sicurezza per l'animale, vi preghiamo di contattarci e farcelo sapere.
Insomma non ci siamo accorti di nulla fino a poco più di una settimana fa quando c'è stato un cambiamento delle mammelle e, mentre il dubbio ci assaliva e contavamo i giorni che potevano essere passati dal loro arrivo o dalla frecciata, lei praticamente partoriva.
Ieri mattina, 20 febbraio, l'abbiamo trovata in pieno parto.
C'erano 4 cuccioli già nati però purtroppo morti, anzi 3 perché toccandoli uno di loro ha emesso un gemito.
L'abbiamo presa, avvolta con l'asciugamano e messa accanto alla mamma.
Coco però non si interessava a lei...si è alzata, ha fatto i bisogni, mangiato un pochino ed è ritornata a coricarsi però anche allora, avvicinandogliela, non la considerava.
La piccina era fredda, non si muoveva  però strillava tanto così abbiamo deciso che non le avremo permesso di lasciarci anche lei.
Fortunatamente avevamo del latte in polvere per bambini che una ragazza ci ha donato per le emergenze così abbiamo iniziato a darle questo latte finché la piccina ha iniziato a berlo, a sgranchirsi un pochino ed ha aperto gli occhi.
Dopo averla scaldata al sole abbiamo provato a ridarla alla mamma, ma nulla...Coco è tornata in travaglio e ha partorito un altro cucciolo morto.
Ormai eravamo rassegnati quando un altro corpicino è uscito ed era l'ultimo.
Appena toccato quest'ultimo cucciolino ha iniziato subito a scalciare, saltellare e cercare le mammelle per mangiare ma usciva poco latte e loro non riuscivano ad attaccarsi.
Allora abbiamo deciso di pensarci noi, non avremo mai permesso che ci lasciassero.
Hanno mangiato avvolte in felpe e camicie di emergenza e poi si sono addormentate al caldo sole di pre-primavera.
Eccole in tutta la loro bellezza, Tormenta e Tempesta.



Sono 2 meravigliose femminucce, con una capacità di recupero e una forza incredibili.
Una appena nata aveva già gli occhi aperti, già saltava come una matta, non si riusciva a tenerla ferma un secondo, fortissima, tremenda...una tempesta di vitalità proprio!
L'altra che sembrava moribonda, tanto che l'avevamo chiamata Quiete, dopo qualche ora si rizzava in piedi, mangiava "come una maialina" e riconquistava una forza tale da essere ribattezzata Tormenta.
Non era previsto che nascessero, assolutamente anzi ci eravamo prefissati di non prendere altri animali per un po' fino a quando non si sono sistemate le cose e fino a quando non siamo al sicuro, siamo del parere che è meglio limitare le nascite per poter piuttosto dare una possibilità a chi riesce a riscattarsi da una vita di schiavitù, castriamo quindi tutti i maschi e le femmine che è possibile sterilizzare però alcuni animali, come detto sopra, pare non si possa e purtroppo ci son cascati 2 batuffolini tra capo e collo.
Però vederle nascere, riuscire a farle sopravvivere, vedere quanto sono già intelligenti appena nate, come sono affettuose e gelose (guai che una sia in braccio e l'altra no) ti fa vedere le cose da un'altra prospettiva.
Avremmo preferito che la mamma le accettasse così da non dargli un imprinting troppo forte con noi, ma non è stato possibile (anche se proveremo a riportargliele per vedere se le allatta), quando hanno aperto gli occhi hanno visto noi e ora ci zampettano incontro riconoscendo il loro nome.
Però una cosa ci riempie di gioia...il fatto che siano nate non per uno scopo, non per essere sfruttate ed uccise... sono nate libere nella maniera più assoluta del termine.
Nate da una mamma libera e da un papà selvaggio che si è dato alla macchia, oppure chissà...vive qui vicino ed ogni notte scende a controllare se la sua donna sta bene.
Comunque ora abbiamo l'esigenza di sentire altri pareri veterinari per quello che riguarda la sterilizzazione, non tanto per Coco e Frida che ormai sono troppo grosse e sarebbe un'operazione impegnativa (per loro esiste solo l'alternativa "sorveglianza a vista") ma per le due piccoline quindi se qualcuno conosce qualche veterinario che ha esperienza in questo senso, vi preghiamo davvero di contattarci.
Intanto ci godiamo le poppate ogni 3 ore e 2 signorine coi tacchetti che zampettano in camera da letto.



Se volete contribuire al loro mantenimento con una sorta di adozione a distanza, link qui sul blog oppure con la "colazione al mese" alla pagina del blog "Come aiutarci".
Vi ricordiamo inoltre che stiamo ancora lottando per riscattare questo posto...aiutateci su www.buonacausa.org/cause/sostieni-agripunk

Grazie a tutti

3 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao a tutti, innanzitutto per la gestione dei fratelli animali che purtroppo hanno la nomenclatura 'da reddito' si procede con la castrazione degli esemplari maschi, i quali devono sottoporsi ad un'operazione molto più blanda rispetto alle femmine, in tal caso andrebbe castrato il cinghialone ma lo è già quindi il problema non vi è Ciò nonostante vi è la possibilità di sterilizzare le scrofe grazie all'aiuto di veterinari competenti come ad esempio il bravissimo Dottor Marco Verdone, il veterinario dell'Isola di Gorgona, Vegano e esperto in queste specie.
      Per quanto riguarda la sterilizzazione e castrazione dei felini, se avete bisogno, io sono qua per aiutarvi da tutti i punti di vista. Fatemi sapere.
      Un grande in bocca al luppolo ai due nuovi arrivati, spero di poterli aiutare presto.
      Leti

      Elimina
  2. Il Dottor Verdone mi è stato consigliato da una delle mie veterinarie di fiducia quindi è una sicurezza ;)

    RispondiElimina