venerdì 8 aprile 2016

For the cow, again!

Vi chiediamo tutti di leggere, condividere e aiutarci partecipando a questi 2 importantissimi appelli!
I casi sono 2, così distanti ma così vicini.
Entrambi riguardano bovini per la precisione 32 mucche, un vitellino e un torello.

Il primo riguarda le 32 mucche fermate prima di imbarcarsi a Trieste per il Libano.
Insieme a Vitadacani e la Rete dei santuari ci siamo mobilitati subito per sapere dove sono e se stanno bene.
Abbiamo iniziato a bombardare di comunicazioni per dare la nostra disponibilità, insieme agli altri rifugi-santuari, ad adottarle cercando così di fermarle dove sono.
Al di là della loro salvezza, quello che ci preme è fare chiarezza su questi casi di fermi amministrativi e relative sanzioni a trasporti di animali.
Spesso si denunciano anche maltrattamenti, casi di decessi, malnutrizione, mancanza di acqua, sovraffollamento...ma alla fin fine gli animali vengono quasi sempre condotti alla destinazione finale, come purtroppo è successo ai quasi 900 agnelli di Pontinia.
Questa volta si parla di mucche, alcune pure gravide.
Due di loro hanno partorito, un vitellino non ce l'ha fatta.
Questa volta, essendo comunque impossibile trasportare le mucche sequestrate se non commettendo consapevolmente la stessa infrazione riscontrata, abbiamo un pò di più tempo per cercare di fare qualcosa di concreto e metterle in salvo.
Questo è il link con le istruzioni per aiutarci!
***mail corrette: 
tribunale.udine@giustizia.it
stefano.verri@provincia.udine.it
urp@aas1.sanita.fvg.it
segr.veterinario@aas1.sanita.fvg.it
corrado.abatangelo@aas1.sanita.fvg.it
massimo.erario@aas1.sanita.fvg.it
urp@comune.trieste.it
robertocosolini@comune.trieste.it

Il secondo caso riguarda un torello "ripescato" nello stretto di Messina.
Avvistato mentre nuotava lungo la rotta dei traghetti, è stato messo all'asciutto e portato da un allevatore in attesa che venga riconosciuto, essendo provvisto delle regolari marche auricolari.
Anche per lui chiediamo aiuto, per convincerli a rendergli la libertà che si è preso arrivando a lanciarsi addirittura in mare.
Anche in questo caso abbiamo dato la disponibilità ad adottarlo, se qualcuno conosce una realtà più vicina che può accoglierlo, ce lo comunichi.
Questo è il suo appello!
E questo l'evento Fb
***mail:
annona@comune.messina.it
urp@comune.messina.it
presidenza.comune@comune.messina.it
renato.accorinti@comune.messina.it

Grazie!

Nessun commento:

Posta un commento