domenica 18 giugno 2017

News sito, antiLì, antiLà

FUORI DAI TUOI OCCHI, FUORI DALLA TUA MENTE.

Da quando ho inserito i popup con le webcam delle mukkine posso dire di averle seguite abbastanza costantemente. Ho assistito a delle scene a dir poco strazianti. Per chi non ne fosse al corrente queste sono delle mucchine in un allevamento in Olanda, qui la felicità non può essere di casa...

E' la sala parto, con relativa sala allattamento vitellini. La scena immortalata è toccante.

COME FARE PER SEGUIRLE?

No, non potrai trovarle su fascbuc. Questo per rimarcare solo una volta ancora il disastro sociale di certe applicazioni di riconoscimento facciale, i dispositivi informatici ed il loro uso.
Prova a fare un salto indietro di 15 anni nella storia e ri-immagina la nostra esistenza da allora, se i cambiamenti sociali fossero avvenuti nel tempo di vita reale e non in quello virtuale.
Il successo del famoso software di riconoscimento facciale e profilazione criminale, con interfaccia a logo con fascia blu e scritta bianca che mi ha sempre ricordato qualcosa, , ha tentato di sotterrare quel pianeta stratificato e già sotteraneo che era il world wide web. Tanti potranno dire che era intuibile, alcuni che non era calcolabile e per questo se ne lavano le mani per come sono andate le cose ed ora stanno dalla parte degli oppressori e di chi per loro opera per tenerci il più possibile sotto controllo.
Grazie a colossi del tecno-intrattenimento come facebook, nokia, apple e microsoft, finanziati dai governi internazisti, adesso ognuno può avere la sua televisione mentale portatile, personalizzata da grattare, grattare, grattare. Condannati a grattare il vetrino di un telefono per l'eternità, con conseguenti danni celebrali.
Con un mix letale di tecnologie prese da videogames, cartoons, televisione e cinema, e la grande abilità nell'arte del camuffo, cioè l'abilità di propagandare a martello facendoti credere che in realtà sia qualcos'altro. Il risultato è che il tempo di vita libera a tua disposizione si abbrevia e si allunga il tempo che te ne stai chiuso dentro una gabbia tecnologica.
Faccialibro è in realtà un software molto avanzato di riconoscimento facciale, profilazione e propaganda politica.

TU DA CHE PARTE STAI ?

Visitando la homepage del blog di Agripunk, ti si apriranno i popup con le mukkine olandesi, automaticamente.
Se i popup non ti si aprono probabilmente hai un blocco popup per questo sito o hai un ad-blocker attivato su questo sito. Clicca sul blocco popup o sull'ad-blocker e seleziona la voce "autorizza agripunkblog.blogspot.com ad aprire sempre i popup" o qualcosa di simile.
Pop-up e pop-up blocker, creare il problema per venderci la soluzione. Il prezzo? :

FUORI DAI TUOI OCCHI, FUORI DALLA TUA MENTE.


ORA NON E' CHE VOGLIO FARTI STARE MALE,

e farti prendere gli infarti come succede sempre a me che passo le notti, come uno stupido antiquì antiquà, a navigare nei felici escrementi del web a cercare dei particolari nascosti dalla realtà virtuale esistente.
Paricolari nascosti ai tuoi occhi. Ce li hai talmente spiattellati davanti che non riesci proprio a vederli? Ho scelto 3 immagini e le ho messe in sequenza, in una gif animata leggerissima, sei libero anche di scaricarla e usarla sul tuo sito o blog. Se la condividi sui social facci il piacere di condividere il link originale che trovi sotto l'immagine, subito dopo.

https://3.bp.blogspot.com/-p6FT5Up4zf4/WFjQMx5EFmI/AAAAAAAAAwE/tAumpvt86-ghimgcxcKbptX88SIAYmi0QCPcB/s320/vitelli.gif 

QUESTI TRE FOTOGRAMMI SONO REALI,

riesci a cogliere l'angoscia e la sofferenza che è imprintata in questi animali fin dal momento della loro nascita?
Mettendo questo in correlazione con l'olocausto provocato dai nazisti e ghostwritando il libro di Primo Levi Se questo è un uomo potremmo scrivere già comodamente Se questo è un animale.

ERA SOLO UN ANIMALE :

mucca, vitello, tartaruga, polpo, toro, pecora, daino, maiale, gatta, gamberetto, squalo, montone, capriolo, gattino, delfino, cane, pollo, cavallo, tacchino, rana, farfalla, piccione, salmone, lepre, capra, cinghiale, fagiano, gallina, balena, papera, lucertola, ape, bigattino, muflone, razza, cervo, stambecco...
Qualcuno a volte può pensare che in Olanda le mucche stiano bene, lo si sente dire sempre più spesso: «dovrebbero fare come in olanda» e ancora «mica come in olanda», in relazione alla condizione delle mucche schiavizzate per il loro latte.
Mukkine che ogni tanto escono al pascolo.
Mukkine che ogni tanto possono essere libere di essere animali felici.
La domanda:

 « Sarà eticamente accettabile? »

La risposta, è evidente: 

« Sì »

Questo grazie ai costrutti sociali che ti fanno credere di essere in debito con qualcuno solo per il fatto di respirare; di sfamarti, di vivere libero. Come se la libertà dovesse avere una quotazione in denaro, in tempo o in energia vitale. Come se chiunque per vivere libero dovesse scendere a patti con lo sfruttamento, farsi sfruttare e sfruttare gli altri. Un anello della catena dello sfruttamento.
Come per la donna e per l'operaio, il prezzo della felicità e della libertà concessa per l'animale da reddito è vivere una vita da schiavi.
Questo anche grazie a campagne giornalistiche e di propaganda finanziate dai soliti gruppi di potere italiani e multinazionali, tutta roba decisa da anni e coronata a Expo 2015.
Politici e lobby di allevatori, associazioni e comitati, consorzi e coordinamenti, gruppi pseudoanimalisti internazionali con un miscuglio di nazisti e animalisti che lascia poco sperare.
Un miscuglio di greenillini prosciuttati da beppe grillo, dal gabibbo e da striscia la notizia. Socialcapitalisti vegani impellettati ed allevatori di morte riciclati, tutti uniti per gli animali: si presentano tutti come eroi della causa degli animali felici, che collaborano per promuovere il benessere animale e i piccoli passi come soluzione felice.
In Olanda perchè in Olanda fanno pascolare e rispettano il benessere animale. E nelle stalle non ci sono topi e ragni che fanno compagnia ai nostri amici. Tutto pulito per benino, gli olandesi sono un popolo molto civile, sterilizzano tutto, comprese le proteste con la propaganda in perfetto stile schutz-staffeln.
Una prigione perfetta, per il loro benessere e per la libertà loro concessa di essere animali felici, sfilando la loro esistenza programmata su questo pianeta nei verdi e felici pascoli, quando gli sia concesso dalla legge e dai loro felici carcerieri.
Apri il link della homepage del blog, sblocca i popup e potrai vederlo tu stesso in diretta cos'è il benessere animale di cui tanto si vuole far parlare.

E' UN BENESSERE PURAMENTE CLINICO,

dal punto di vista della salute fisica questi animali stanno benissimo, ma i loro sentimenti non sono minimamente considerati in questo benessere animale, la loro felicità.
Ma non ti preoccupare, abbiamo vinto, gli allevatori ci stanno lavorando.
Gli allevatori? Ovviamente sempre in combutta con gruppi di associazioni ambientaliste e pseudo-animaliste, insieme stanno migliorando le condizioni di allevamento.
La cosiddetta carne felice e il latte BIOfelice.
A piccoli passi, passettino dopo passettino, come quelli che sono costretti a fare gli animali imprigionati nelle stalle e nelle gabbie felici dello sfruttamento.
Stanno facendo dei piccoli passi. Fanno sempre piccoli passi. Piccoli passi felici che non cambiano lo stato esistente ma lo alleviano. Così da sopire tanto lo sdegno ed il rigetto che qualsiasi compagno dovrebbe avere per un qualsiasi sistema di sfruttamento, anche propagandato come sfruttamento felice.
La felicità nel benessere animale. Tutti felici e contenti che gli animali siano liberi di essere animali biotecnologicamente e geneticamente felici.
Carne buona, di razza, felice, esistenza felice e degna di essere vissuta secondo le loro esigenze specie-specifiche rispettando l'etologia dell'animale.
Morte degna. E carne felice e degna di essere mangiata rispettando l'entomologia dell'animale.


Fondamentalmente stanno cercando il modo di inserire gli animali di allevamento in una sorta di matrix, un laboratorio di sperimentazione in grado di creare una realtà perfetta di allevamento con l'ausilio di sensori e calcolatori. Ad esempio nel video, la tecnologia automatica provvede a seguire il comportamento degli animali e adatta i sistemi secondo i parametri ottimali.
Rilevano se gli ospiti sono nervosi, se hanno troppo caldo, se hanno troppo freddo, sovraffollamento, umidità, paglia, solitudine, odori, aria, luce e tanti altri parametri ed equazioni che il sistema apprende dagli animali stessi, parametri che per noi non hanno neanche un nome. Individua anche il singolo animale che dal comportamento potrebbe presentare problemi di salute.
Ogni cucciolo vivrà una vita perfetta e la carne sarà carne felice di avere vissuto la vita perfetta.
Chi la mangerà sarà felice e in pace con la coscienza di aver pagato quindi contribuito ad aver fatto vivere un'esistenza felice ad un animale. Come una adozione a distanza. Avrà salvato gli animali dalla sofferenza, mangiando la carne felice.
Purtroppo devo dire che spiritualmente ed eticamente è un compromesso più che accettabile.
Difficile da controbattere. La clessidra alimentare qui a fianco.
Teoria del male da puntata di South Park (Gluten Free Ebola, guardatela se non l'avete vista, è clamorosa).

 E SMETTIAMOLA DI PARLARE DI DISSOCIAZIONE,

come se mangiare la carne fosse parte di una malattia da curare, come se non bastassero già i fasci e le forze del disordine a scombinare la lotta, come se tanti compagni nel tempo non abbiano collegato lo sfruttamento che ci sta dietro e non abbiano smesso per protesta di consumare carne e prodotti animali.
Parliamo piuttosto di questione animale nei movimenti di lotta contro il sistema esistente.
Il dubbio sulla carne c'è sempre stato. Un pensiero agli animali nel piatto, una sorta di ringraziamento per aver dato la vita e la morte per sfamare i presenti è insito nell'atto di mangiare la carne, sempre per noi antiquì antiquà.
Come pensare che la vivisezione sia il male minore per gli animali, che scongiuri epidemie e disastri sanitari nella specie umana, una specie "predatore" che prende il controllo della vita e della morte delle specie "predate". Per sfamarci, per guarirci, per divertirci, per convenienza.



Perché un mattatoio è vivisezione e la vivisezione è un mattatoio.

Per tutti gli animali. Io che scrivo e voi che leggete compresi. E per chi è costretto a lavorarci, in cerca di sopravvivenza e di una parvenza di progresso che non ci potrà mai essere e nel frattempo alimenta solo lo sfruttamento.

Ma un animale onnivoro, specie umana predatrice, dovrebbe stare a farsi tutti questi problemi e cercare tutte queste scappatoie etiche sulla felicità o meno della vita di una prelibata preda?

Chi mangia la carne è un tuo compagno. E' un tuo compagno a cui devi spiegare che la lotta è una e se vuole lottare il primo passo da fare è liberarsi dall'oppressione di dover sfruttare gli altri abitanti di questo grande pianeta per sopravvivere. Un grosso assaggio di quella che possiamo chiamare veramente libertà.
Siamo migliaia di miliardi tra animali e vegetali a popolare la terra. C'è posto ancora per tanti altri, se ci liberiamo a vicenda da fascismo, inquinamento, ogni allevamento, sfruttamento e ogni schiavitù.
Anche io mangiavo la carne. Tutti la mangiavamo. Perchè era bona. Perchè quella c'era.
Allora devo pensare di essere guarito da una malattia? Superstite di un virus che tormenta l'umanità da centinaia di migliaia di anni?
No cari, non ci credete neanche voi, che questa rivoluzione possa nascere dalla borghesia che è capace di inventarsi una malattia per tutto ciò che è diverso dalla propria politica immobilista, che prende le lotte e le trasforma sempre in errori di gioventù.
Molti ragazzi e ragazze che tutti consideravano compagni e compagne ed erano pure molto seguiti politicamente, adesso li vedi stringere la mano alla peggio feccia nazista riciclata e fare patti con le istituzioni che da ragazzi tanto volevano demolire.
Magari sono pure vegani. Magari frequentano cagapound. Magari a cagapound fanno le cene vegane bionatural e so tutti pure canari e gattari. Magari a cagapound ci stà qualche antispeciuistua. O meglio, qualche speciespecista.
Questi non saranno mai nostri compagni.
Ma che lo scrivo a fare?

AGLI ANIMALI NON INTERESSA DELLA POLITICA



Il fatto è semplicemente che le mucche in Olanda vengono alimentate anche ad erba ma quelle stesse mucche che pascolano vengono continuamente stuprate e risucchiate di tutte le loro energie.
Come delle macchine, dei trattori, mietitrebbia che si riproducono. Sfruttate e imprigionate come in un campo di concentramento, tutto regolare, secondo le leggi vigenti. La storia che si ripete.

Tutto regolare....

a norma di legge....

erano solo degli animali, delle bestie....

TANTE FELICITAZIONI A TUTTI VOI.

CHE LA MERDA SECCA SIA CON VOI.



 

NOTA PER GLI UTENTI DELLA VERSIONE MOBILE

Buttate quello smartphone maledetto!!
La volete fare finita di grattare un vetrino?
E che ne dite di tornare su questo pianeta?

Nessun commento:

Posta un commento