Veganwashing and the Lie of Vegan Unity

by Collectively Free 7 giugno 2018, di Chris Hendricks.

Tradotto e commentato da FUORIMANO, NoT e il corsivo (tra parentesi) sono note del traduttore.
(link originale: https://www.collectivelyfree.org/veganwashing-the-lie-of-vegan-unity/ )

Con il termine anglofono "Veganwashing" ci riferiamo ad un fenomeno di ripulitura intesa a incoraggiare l'associazione positiva di un dato soggetto (governo, multinazionale, ente o gruppo politico) al veganismo(/veganesimo) ma anche ai diritti degli animali. (NoT: Con il veganesimo in molti casi viene accentuata la parte spirituale per offuscarne la parte politica).
Si verifica, ad esempio, quando un'azienda introduce alternative a base vegetale alla sua linea di prodotti per aumentare la propria immagine tra i consumatori compassionevoli e competere per una quota del mercato vegano senza mai ridurre effettivamente il loro contributo alla sofferenza degli animali. (NoT: O quando un personaggio politico o delle associazioni welfariste "cavalcano" l'animalismo per scopi elettorali, ad esempio un po tutti in campagna elettorale, nell'ultima in particolare Movimento Animalista di Michela Vittoria Brambilla per Forza Italia di Berlusconi ma soprattutto la banda di Animal Equality, Essere Animali, NoMattatoio e Animal Liberaction fu SeiVeganoSe con Paolo Bernini, il M5S e la Lega).


Negli ultimi anni la strategia di Veganwashing (come il Pinkwashing e il Whitewashing) è stata utilizzata anche per scopi politici, in particolare per quanto riguarda l'avanzamento del progetto sionista di colonizzazione nella Palestina storica, dove i diritti degli animali sono stati cooptati dai sostenitori del colonialismo al fine di sorvolare il trattamento brutale riservato al popolo palestinese.
Il sostegno internazionale per l'occupazione e l'apartheid israeliana sostenuta dagli USA - necessario per preservare la demografia imposta artificialmente che rende possibile l'esistenza di Israele come stato ebraico-suprematista - è diminuito negli ultimi anni a causa, in gran parte, del successo del boicottaggio di base alle attività (che finanziano l'armamento militare), con il Movimento per il disinvestimento e le sanzioni (BDS).
 
In risposta, il governo israeliano e le organizzazioni pro-sioniste hanno investito in programmi intesi a promuovere quello che chiamano "Brand Israel": dipingere la società israeliana in una luce favorevole, libera da controversie, sopprimendo il dissenso con la copertura delle violazioni quotidiane dei diritti umani.
 Dai tour promozionali come il Vegan Birthright - che offre viaggi pagati con tutte le spese che incoraggiano i giovani ebrei a stabilirsi in Palestina (NdT con la scusa della ricerca delle proprie origini dopo l'olocausto della seconda guerra mondiale hanno convinto migliaia di persone ad offrirsi come coloni per un'occupazione militare fascista, razzista ed islamfobica) - agli attivisti per i diritti degli animali che collaborano con il governo israeliano per promuovere lunedì senza carne alla Knesset, la strategia di veganwashing ha contribuito notevolmente a questo sforzo (a supporto del nazionalismo di matrice identitaria neofascista), risultante in molti commenti privi di sostanza in tutti i vari media internazionali, propagandando Israele come un'utopia vegana illuminata (virtuosismo).
Va notato che molti ebrei in tutto il mondo sostengono la lotta palestinese per l'autodeterminazione e la giustizia, sono tra i più accaniti critici del moderno sionismo (e ne denunciano le dinamiche pubblicamente quando ne vengono a conoscenza).
 Probabilmente l'esempio più ampiamente segnalato di lavaggio vegan israeliano è l'iniziativa del 2015 di Anonymous for Animal Rights (la più grande organizzazione israeliana per i diritti degli animali) per ripulire il nome delle forze armate e trasformarle nella forza di "difesa" israeliana (IDF sa di organizzazione umanitaria), che adesso offre opzioni di pasti a base vegetale e stivali non in pelle, rende la vita più facile ai soldati vegani incaricati di derubare gli indigeni della loro terra e privarli dei mezzi di sussistenza (come cibo ed acqua, non il SUV nuovo).
Ma non vi è stato alcun sforzo da parte dei gruppi vegani israeliani per sostenere le vittime palestinesi dell'IDF e nessuno sforzo per costruire solidarietà con la comunità dei diritti degli animali nella Palestina occupata, nonostante il fatto che la sofferenza degli animali per mano dei palestinesi nei territori occupati ( come per tutte le nazioni arabe vicine) impallidisce rispetto a quelle provocate da Israele, dove il consumo di animali  è in aumento.
Israele è ora al primo posto nel mondo per consumo pro capite di animali (polli) e quarto in consumo pro capite di prodotti animali (e di acqua).
(NoT: sono all'avanguardia anche per i brevetti e la ricerca sulla colonizzazione, sull'allevamento e l'agricoltura. Uno dei primi bersagli dell'occupazione sono i pozzi d'acqua che è necessaria alle persone di ogni specie per sopravvivere).
Quindi, sebbene il gruppo sostenga la "prima dichiarazione non umana" (anti-intersezionale), che promette la subordinazione degli esseri umani all'avanzamento della liberazione degli animali, è chiaro che Anonymous for Animal Rights sta mettendo almeno alcuni umani al primo posto.

Nel 2016, la campagna internazionale è decollata con l'inizio di Anonymous for the Voiceless, un'estensione del lavoro di un sionista dichiarato e disgraziato teorico liberatore di animali, Gary Yourofsky.
 Durante dimostrazioni sul "cubo della verità", i volontari anonimi (anonimi in piazza ma taggati nei selfie su facebook e instagram) in più di 60 paesi esortano i passanti a iscriversi al progetto Anonymous for Animal Rights "Challenge22" per una sfida vegana di 22 giorni, ricevendo e-mail giornaliere da Tel Aviv con suggerimenti per passare a un altro stile di vita compassionevole.
La propaganda è sofisticata e sottile. Niente bandiere israeliane o messaggi anti-palestinesi, niente della Palestina (NdT di fatto per il Brand Israel la Palestina non deve essere nominata perché non deve esistere).
Nient'altro che immagini di vivaci cibi vegani, facce felici e abbastanza tag israeliani per farti sapere quali persone ringraziare per il servizio, abbastanza per formare un'associazione tra lo Stato di Israele e il tuo nuovo stile di vita vegano. (Per inciso, il nome "Challenge22" deriva da un mito secondo cui ci vogliono 21 giorni per rompere una cattiva abitudine - in genere, ci vogliono circa 3 volte così a lungo.)

Mentre Anonymous for the Voiceless afferma di aver convinto oltre 125.000 persone a considerare di diventare vegan, la ricerca ci dice che - di coloro che finiscono per fare il passaggio - solo circa il 30% resterà fedele a lungo termine.
 Ovviamente, aiutare persino una persona a prendere provvedimenti per ridurre il danno è encomiabile, ma dovrebbe essere valutato rispetto al danno indottrinante su almeno altrettanti - inclusi migliaia di liberatori di animali - nel ritenere che l'imperialismo coloniale sia in qualche modo benefico per i diritti degli animali e che (collateralmente) i diritti umani siano in qualche modo irrilevanti.
Queste idee distruttive sono rafforzate dai leader che cercano di reprimere i vegani pro-intersezionali, indicati dal direttore dell'AV, Paul Bashir, come "persone tossiche" e "un cancro" al movimento.
Chiunque osi criticare altri attivisti vegani da un punto di vista di sinistra / progressista deve essere "pubblicamente ed enfaticamente condannato" dalla comunità vegana, secondo Bashir.

Quindi, quando un vegano di spicco, come lo youtuber Jean-Philippe Cyr, un bianco suprematista del Quebec che si commercializza come "The Buddhist Chef" (veganesimo, gary yrsky e accezzione spirituale religiosa identitaria), si prende cura di chi abusa dei diritti umani, come ha fatto accettando un invito dal no-profit del turismo sionista, Vibe Israel ( insieme a molti altri influenti vegani), ci si aspetta che gli attivisti gli diano uno sguardo, o che almeno facciano le loro obiezioni in privato.
Ma anche le obiezioni pubbliche sono facili da ignorare, proprio come Cyr ha ignorato le numerose segnalazioni di tenere conto della difficile situazione dei palestinesi, decidendo invece di capitalizzare sulla loro oppressione (NoT: sfruttando le obiezioni per avere l'ultima parola in modo da ripulire l'immagine che il mondo ha dell'occupazione dei territori palestinesi).
Ha anche rifiutato un invito della Palestinian Animal League, aggiungendo ulteriori insulti.

"Insistere sull'unità a spese del pensiero critico - rappresenta una vera minaccia per qualsiasi gruppo di giustizia sociale".
Non dubito che praticamente tutti gli attivisti per i diritti degli animali abbiano a cuore le migliori intenzioni e concordo sul fatto che a volte il battibecco può essere inutile e controproducente (come lamentarsi del fatto che i commenti e le tattiche razziste, sessiste e xenofobe ricevano critiche).
Ma scoraggiare le sfide allo status quo organizzativo da parte dei membri ordinari - insistere sull'unità al costo del pensiero critico - rappresenta una vera minaccia per qualsiasi gruppo di giustizia sociale, rendendolo vulnerabile allo sfruttamento da parte di interessi esterni e creando una pendenza scivolosa verso l'autoritarismo culturale (e l'identitarismo come nel caso di Vegan Nation).
Se mai dovessimo aumentare il nostro sostegno a un punto in cui siamo in grado di trasformare o abolire le industrie capitaliste oppressive, come l'agricoltura animale, dobbiamo respingere le richieste speciste di "unità vegana" e lavorare per ristabilire le nostre radici tra i movimenti sociali contro le ingiustizie e le occupazioni militari.

Dimentica le organizzazioni gerarchiche "Single Problem" guidate da "celebrità vegane". Sostieni la liberazione degli animali nelle comunità di cui già fai parte e viceversa. Sostieni i tuoi amici vegani sulla lotta di classe e altre questioni di giustizia sociale e dimostragli che fanno parte di una più ampia lotta per la liberazione totale.

È così che coltiveremo questo movimento.

Numerosi gruppi guidati dai compagni sono impegnati in questo lavoro, tra cui la Palestinian Animal League (PAL), Earthling Liberation Kollective (ELK), Vegan Feminist Network, Vegan Voices of Color e, naturalmente, Collectively Free.

Visita la pagina https://www.collectivelyfree.org/getactive/ per ulteriori informazioni.
Controlla la sezione https://bdsmovement.net/get-involved della campagna BDS per scoprire come puoi aiutare.

Chris Hendricks, l'autore, è un avvocato pro-intersezionale per i diritti degli animali e vegano di lunga data. Da Austin, Texas.

Facebook direct

Post più visitati negli ultimi 30 giorni!!